Ricordo.L’impronta di noi stessi 
di Nunzio Galantino 
«Agisci in modo che ogni tuo atto sia degno di diventare un ricordo» ( I. Kant). Dal latino re (di nuovo) e cor (cuore), il ricordo è l’atto di richiamare fatti, episodi ed eventi vissuti nel passato. Il rimando al “cuore” presente nell’etimo della parola “ricordo” si deve al fatto che un tempo il cuore era considerato la sede della memoria e dell’anima. Entrambe “forma” dell’uomo. 
Come è difficile definire l’anima, così lo è per il ricordo. Come l’anima, il ricordo non si può toccare, non si può vedere e soprattutto non si può controllare. Il ricordo è talvolta un odore, altra volta una sensazione, un’atmosfera, una parola, uno sguardo, un sapore, una carezza, una lacrima, una voce, una nota musicale, un colore che improvvisamente riaffiora dal misterioso magazine della nostra mente (o del nostro cuore?), che si riempie con il trascorrere dei giorni. Per questo Kant suggerisce di riempire questo misterioso magazine di azioni belle, di relazioni ben vissute, di attimi ben goduti, in modo che il ricordo, improvviso e inaspettato, sia consolatorio e positivo per la nostra vita. 
Dei ricordi si continua a studiare l’effetto traumatico ma anche terapeutico per il prosieguo della vita. Di alcuni ricordi siamo orgogliosi, di altri faremmo volentieri a meno. Tutti i ricordi però ci definiscono, costituiscono le nostre radici, “certificano” le nostre esperienze, descrivono ciò che siamo diventati. I ricordi sono l’impronta di noi stessi. 
Certo, come afferma M. Proust, «il ricordo delle cose passate non è necessariamente il ricordo di come siano state veramente». Pur non essendo una fotografia del passato, il ricordo ci offre comunque la possibilità di

interrogare il nostro passato, riscrivendolo secondo emozioni e sensibilità, ma anche secondo l’esperienza di oggi. Dettagli e frammenti che hanno avuto un significato, oggi possono evocare altro, quasi a dimostrare che anche i ricordi vivono, si trasformano, crescono insieme a noi. «Come tutti i grandi viaggiatori ho visto più di quanto ricordi e ricordo più di quanto ho visto» (B. Disraeli). Ciò mi fa dire che, nella misura in cui “viviamo” i nostri ricordi, essi ci rendono capaci di cura e di responsabilità, alimentano la consapevolezza di ciò che siamo, da dove veniamo e fin dove possiamo spingerci. 
Le caratteristiche di non tangibilità e di mutevolezza rendono i ricordi preziosi, irripetibili e quindi unici. Allo stesso tempo tutti e sempre diversi. Ci fanno intravedere un frammento di eternità nella nostra storia. Sono quel che rimane della nostra esperienza e del tempo vissuto dopo avere eliminato il superfluo. E, anche se spesso sono dolorosi, «è proibito piangere senza imparare, svegliarti la mattina senza sapere che fare, avere paura dei tuoi ricordi» (P. Neruda).
in “Il Sole 24 Ore” del 7 maggio 2017

Per la CP "GGPII"

"Oggi devo fermarmi
a casa tua"

piano pastorale 2017-18

*****

Visita il sito della
Comunità Pastorale
"Santi Gottardo
e Giovanni Paolo II"

in Varese.

*****

Primo ciclo:
Zaccheo

trovi qui le date


*****

Qui trovi

la prima meditazione,
giovedì 12 ottobre 2017.

la seconda meditazione,
giovedì 19 ottobre 2017.
 

Stai connesso con noi


Parola di Dio del giorno


I brani della Parola di Dio
nella Messa quotidiana in rito ambrosiano,
dal sito della Diocesi di Milano.

Il libro consigliato



Walter Kasper,
Misericordia,
anno 2013, 320 pagine

 

Sto Leggendo

TEOLOGIA
* I. Zizioulas, Comunione e alterità, pp. 358


SPIRITUALITA'
* S. Decloux, El Espiritu Santo vendrà sobre ti pp. 190

* D. Caldirola - A. Torresin, I sentimenti del prete. Vangeli, affetti e vita quotidiana, pp. 141
* Montini-Paolo VI, Invito alla gioia, pp. 94



LETTERATURA
* Erri De Luca, La faccia delle nuvole, pp. 88

SAGGISTICA
* J.-L. Marion, Il fenomeno erotico, pp. 286

 

Pensieri fissi

Non è il Vangelo che cambia: siamo noi che cominciamo a comprenderlo meglio
papa Giovanni XXIII

Sii tu il cambiamento che vuoi vedere nel mondo
Gandhi

Quando si ama il proprio uditorio, si può diventare poeta
card. Danneels

Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario
Orwell

Solamente chi non perde la speranza può essere una vera guida
Gandhi

L'amore è molto di più che l'amore
Chardonne

Non insegno mai ai miei allievi, cerco solo di metterli in condizione di poter imparare».
Albert Einstein

Perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinuncino all'azione.
Edmund Burke

Ma per noi non si tratta semplicemente di sogni. O se proprio si vuole, dei sogni di Dio, più lucidi di qualsiasi veglia.
Olivier Clément

«Tutto vale la pena, se l'anima non è piccola».
Fernando Pessoa

Il cioccolato è la prova che Dio vuole bene all'uomo.

Download

Breve antologia di testi
di presentazione della
AMORIS LAETITIA
come "questione di stile".

Schede per coppie
e Gruppi familiari
a partire dalla
"Amoris Laetitia"


scheda 0 - introduzione

scheda 1

scheda 2

scheda 3

scheda 4

scheda 5

Per la preghiera quotidiana, ispirata alla liturgia del giorno

Qui puoi trovare
il
calendario liturgico ambrosiano

da ottobre 2015
a settembre 2016.

Clic quotidiani


 

Ottimi commenti alla Bibbia

Ci presentiamo


Questo sito non è un sito. Questo blog non è un blog. Non vuole "piazzare" nulla e non svela nessuna intimità. E' un'antologia di pezzi scritti e di immagini incrociate, che rimandano ad ascolti, profumi, sapori, tocchi, visioni. Ogni giorno uno-due-tre colpi di carboncino e di sanguigna, che tratteggiano per il lettore fedele lo schizzo tutt'altro che indefinito di una vita che sorprende dall'interno colui che la vive. Altre vite si sono ritrovate in questi bytes e amano riprenderne i contenuti. Non chiedete a queste pagine più di quanto possano dare; non chiedete loro altro da quello che vogliono dare; aiutatele a dare sempre meglio. Buon approdo!
don Chisciotte
 
 

Preghiera quotidiana su tablet e smartphone

Un aiuto

CoverVille


"La nostra volontà di crescere è la stessa del primo giorno"

Celtic Football Club

Diventa anche tu supporter del CELTIC di Glasgow:

www.celticfc.net

Blog SeiUnoSeiTre

Puoi trovare i post dei mesi da settembre 2007 a gennaio 2008 nel blog:

http://seiunoseitre.blogspot.com/

Ci sono

Tutte le messe (feriali e festive) alla K.
Eventuali modifiche saranno indicate qui sotto:
27 maggio: don Kifle celebra alle ore 17 a BR
28 maggio: don Kifle celebra alle ore 10 a KO

 

Made by Crosstec