Don Matteo piace perché non assomiglia ai preti veri 
di Marco Marzano 
In tempi di secolarizzazione galoppante, il popolarissimo prete-investigatore televisivo Don Matteo rappresenta un magnifico spot per la Chiesa Cattolica: incarna la figura del sacerdote ideale, della guida spirituale modello.Terence Hill è un attore eternamente giovane malgrado i quasi ottant’anni, è bello, alto, biondo, è fisicamente prestante e così agile da scendere con una sola mossa dalla sua vecchia bicicletta.
Don Matteo vive in una bellissima canonica, arredata con gusto ed è un tipo elegante, con la sua lunga tonaca nera e il basco sulla testa, il corpo curato e slanciato. Poi è simpatico e intelligentissimo, scopre prima dei carabinieri, anche grazie alla complicità del maresciallo Cecchini (il bravo Nino Frassica), i colpevoli degli innumerevoli reati che si consumano in quel magnifico angolo di Umbria (prima Gubbio ora Spoleto) dove la serie è girata.
È inoltre un uomo totalmente devoto alla causa della fede e al servizio dell’istituzione, perfettamente e completamente asessuato, privo di una vita privata e intima, senza contraddizioni, sofferenze, lacerazioni interne, stupide complessità esistenziali, in definitiva senza desideri che non siano quelli di servire l’istituzione che ama e il suo popolo, credente e non. La gente gli porta rispetto, gli chiede consiglio e gli dà del lei; lui usa sempre un tu inferiorizzante e tratta tutti, vecchi e giovani, con la paternalistica sollecitudine che meritano le pecorelle di un gregge di anime smarrite, persone inferiori per status e dignità. Non ha ovviamente una famiglia propria, ma vive con la perpetua e il sacrestano, bruttini e un po’ imbranati, ma anche onesti e volenterosi.
Un “lei” più rispettoso Don Matteo lo adopera solo con i capi della locale stazione dei carabinieri, riconosciuti come suoi pari nella gerarchia sociale, come persone davvero degne di rispetto e di autentica considerazione. Nella serie di Rai1 al prete in sottana nera è attribuito il monopolio assoluto della virtù: in ogni episodio Don Matteo impartisce qualche lezioncina moralistica, spiega, soprattutto ai colpevoli, quale sia il vero senso della vita e illustra il valore e la bellezza della conversione al cristianesimo e della redenzione. È un pastore misericordioso e comprensivo, sempre

capace di trovare qualcosa di buono in ogni creatura, anche nella più abbietta, e di esaltare le ragioni dell’amore e del perdono. Insomma, un curatore di anime in stile Francesco, che insiste sulla bontà e la comprensione più che sulla condanna e il castigo, sulla promessa della salvezza più che sulla minaccia della perdizione.
In virtù di tutte queste qualità, e forse di altre ancora, Don Matteo è il prete ideale: sensibile, misericordioso, paterno, giusto, generoso, incorruttibile, privo di passioni o di interessi sessuali o di altro genere. Insomma un Cristo in miniatura per i nostri tempi, certamente più divino che umano.
La realtà è un’altra cosa, dura e prosaica. In quella umbra, i parroci vanno in pensione, come altrove, a settantacinque anni, non si tingono i capelli e sono sempre più stranieri, vengono casomai dall’Africa o dalla Polonia, la perpetua in casa immagino non ce l’abbiano mai e tantomeno credo che possano permettersi un sacrestano. Dirigono parrocchie sempre più spopolate, frequentate al massimo da qualche vecchietta, hanno perduto molte delle antiche velleità di essere gli unici mediatori tra il popolo e Dio, hanno spesso delle relazioni sentimentali e vivono delle vite ordinarie, fatte quindi anche di drammi, errori e ripensamenti, talvolta con un sovrappiù di solitudine e di angoscia, e quindi di alcool, di bulimia, di vita disordinata o di altre, ancor meno confessabili, perversioni. Raramente abitano in case arredate con cura come quella di Don Matteo e, se indossano la tonaca, significa che appartengono all’estrema destra clericale, quella che rimpiange la Chiesa che precedeva il Concilio, la messa in latino, il clericalismo duro e puro, la morale tradizionale.
Insomma, i preti veri, quelli in carne ed ossa, sono molto diversi da quello idealizzato della fiction. Sono esseri umani finiti, per qualche ragione, a svolgere una professione in difficoltà, a fare un mestiere sempre meno ambito e rispettato.
Il successo di Don Matteo è quello di una favola reazionaria e nostalgica e riflette forse il nostro desiderio collettivo, la nostra fantasia regressiva e infantile, di pensare che esista in qualche luogo remoto della provincia italiana un luogo come quell’immaginaria parrocchia di Spoleto, nella quale i preti sono belli e atletici, indossano la veste, non hanno vizi, ma solo virtù e dispensano a pieni mani, come papà teneri e affettuosi, amore e misericordia per tutti, grandi e piccini.
Nelle parrocchie e negli oratori non ci entriamo più da tempo e possiamo quindi illuderci, non conoscendo il “clero reale”, che quella favola possa essere realtà. Per la Chiesa, Don Matteo è un bello spot: non riporta sicuramente la gente in Chiesa, non produce di certo vocazioni al sacerdozio, ma ne riabilita l’immagine offuscata dagli scandali e dal prepotente montare di una secolarizzazione che sbriciola l’autorevolezza e l’importanza sociale del suo clero. Chissà che anche l’otto per mille non ne risenta favorevolmente.
in “il Fatto Quotidiano” del 22 gennaio 2018
https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/don-matteo-piace-perche-non-assomiglia-ai-preti-veri/

Per la CP "GGPII"

"Oggi devo fermarmi
a casa tua"

piano pastorale 2017-18

*****

Visita il sito della
Comunità Pastorale
"Santi Gottardo
e Giovanni Paolo II"

in Varese.

*****


Qui trovi

la prima meditazione,
giovedì 12 ottobre 2017.

la seconda meditazione,
giovedì 19 ottobre 2017.

la terza meditazione,
giovedì 9 novembre 2017.

la quarta meditazione,
giovedì 16 novembre 2017.

la quinta meditazione,
giovedì 14 dicembre 2017.

Con adulti e genitori, alla Festa della Famiglia,
domenica 28 gennaio 2018

Stai connesso con noi


Parola di Dio del giorno


I brani della Parola di Dio
nella Messa quotidiana in rito ambrosiano,
dal sito della Diocesi di Milano.

Il libro consigliato



Walter Kasper,
Misericordia,
anno 2013, 320 pagine

 

Sto Leggendo

TEOLOGIA
* I. Zizioulas, Comunione e alterità, pp. 358


SPIRITUALITA'
* S. Decloux, El Espiritu Santo vendrà sobre ti pp. 190

* D. Caldirola - A. Torresin, I sentimenti del prete. Vangeli, affetti e vita quotidiana, pp. 141
* Montini-Paolo VI, Invito alla gioia, pp. 94



LETTERATURA
* Erri De Luca, La faccia delle nuvole, pp. 88

SAGGISTICA
* J.-L. Marion, Il fenomeno erotico, pp. 286

 

Pensieri fissi

Non è il Vangelo che cambia: siamo noi che cominciamo a comprenderlo meglio
papa Giovanni XXIII

Sii tu il cambiamento che vuoi vedere nel mondo
Gandhi

Quando si ama il proprio uditorio, si può diventare poeta
card. Danneels

Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario
Orwell

Solamente chi non perde la speranza può essere una vera guida
Gandhi

L'amore è molto di più che l'amore
Chardonne

Non insegno mai ai miei allievi, cerco solo di metterli in condizione di poter imparare».
Albert Einstein

Perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinuncino all'azione.
Edmund Burke

Ma per noi non si tratta semplicemente di sogni. O se proprio si vuole, dei sogni di Dio, più lucidi di qualsiasi veglia.
Olivier Clément

«Tutto vale la pena, se l'anima non è piccola».
Fernando Pessoa

Il cioccolato è la prova che Dio vuole bene all'uomo.

Download

Breve antologia di testi
di presentazione della
AMORIS LAETITIA
come "questione di stile".

Schede per coppie
e Gruppi familiari
a partire dalla
"Amoris Laetitia"


scheda 0 - introduzione

scheda 1

scheda 2

scheda 3

scheda 4

scheda 5

Per la preghiera quotidiana, ispirata alla liturgia del giorno

Qui puoi trovare
il
calendario liturgico ambrosiano

da ottobre 2015
a settembre 2016.

Clic quotidiani


 

Ottimi commenti alla Bibbia

Ci presentiamo


Questo sito non è un sito. Questo blog non è un blog. Non vuole "piazzare" nulla e non svela nessuna intimità. E' un'antologia di pezzi scritti e di immagini incrociate, che rimandano ad ascolti, profumi, sapori, tocchi, visioni. Ogni giorno uno-due-tre colpi di carboncino e di sanguigna, che tratteggiano per il lettore fedele lo schizzo tutt'altro che indefinito di una vita che sorprende dall'interno colui che la vive. Altre vite si sono ritrovate in questi bytes e amano riprenderne i contenuti. Non chiedete a queste pagine più di quanto possano dare; non chiedete loro altro da quello che vogliono dare; aiutatele a dare sempre meglio. Buon approdo!
don Chisciotte
 
 

Preghiera quotidiana su tablet e smartphone

Un aiuto

CoverVille


"La nostra volontà di crescere è la stessa del primo giorno"

Celtic Football Club

Diventa anche tu supporter del CELTIC di Glasgow:

www.celticfc.net

Blog SeiUnoSeiTre

Puoi trovare i post dei mesi da settembre 2007 a gennaio 2008 nel blog:

http://seiunoseitre.blogspot.com/

Ci sono

Tutte le messe (feriali e festive) alla K.
Eventuali modifiche saranno indicate qui sotto:
27 maggio: don Kifle celebra alle ore 17 a BR
28 maggio: don Kifle celebra alle ore 10 a KO

 

Made by Crosstec