«L’unica ragione per cui la Bibbia non inserisce le chat dei genitori tra i flagelli divini — in ordine alfabetico vengono subito dopo le cavallette — è che neanche gli estensori di quel testo pur così ispirato potevano immaginare che gli esseri umani si sarebbero spinti tanto in là».
Massimo Gramellini, La Stampa, 9.06.2018