«Se Europhonica (la radio fondata da Antonio per trasmettere in diretta le sedute del Cosniglio d'Europa) fosse una metafora facile, spiega sempre il collega “sarebbe un don Chisciotte che va contro i mulini a vento dell'indifferenza nei confronti delle istituzione europee. Per farvi capire come era Antonio, lui non solo era il primo a guidare la carica contro i mulini ma aveva trovato i cavalli, studiato il percorso, e venduto i diritti della storia a Cervantes”.
Perché Antonio aveva mille idee giornalistiche e imprenditoriali al giorno su come raccontare l'Unione Europea, “aveva un approccio democraticamente pop e una dote naturale, spiegare in modo semplice la materia più difficile del mondo: L'Europa e le sue istituzioni".
“Perché Antonio pensava che il suo fosse il lavoro più bello del mondo e desiderava farlo per sempre, basta leggere l'hashtag che accompagnava le sue foto, 'My job is better than your vacation' (il mio lavoro è meglio della tua vacanza)”.
Andrea Fioravanti ai funerali di Antonio Megalizzi, Trento 20.12.2018