«Dio è non solo un padre», ma anche «una madre che non smette mai di amare la sua creatura» anche se dentro ha «tante cose brutte» o è un «delinquente». Papa Francesco nella terza udienza generale del nuovo anno prosegue il ciclo di catechesi sul Padre Nostro e si sofferma sulla parola “Abbà, Padre”, «un’invocazione», ricorda il Pontefice, «nella quale si condensa tutta la novità del Vangelo» predicata da Gesù. Per questo, «il cristiano non considera più Dio come un tiranno da temere, non ne ha più paura ma sente fiorire nel suo cuore la fiducia in Lui: può parlare con il Creatore chiamandolo “Padre”. L’espressione è talmente importante per i cristiani che spesso si è conservata intatta nella sua forma originaria: “Abbà”».

Su questa parola Francesco ricorda come... (continua a leggere)

http://www.famigliacristiana.it/articolo/il-papa-dio-e-padre-e-madre-di-tutti-anche-dei-delinquenti.aspx?fbclid=IwAR0rr2oGTD89L99AQAvDVu4cIOg8IGftYW13ZBXVSx87NUw-qnAnI1vfiAY