Da quanto tempo lo diciamo?! Meno male che qualche vescovo dice qualcosa di saggio e veramente innovativo (anche se avremmo dovuto capirlo da tempo... da almeno 55 anni!).

Reggio Emilia, 9 settembre 2019 - Come salvare le parrocchie e le piccole chiese di montagna, se continuano a calare i preti? L’idea, in un qualche modo rivoluzionaria, parte da un luogo inaspettato: il pulpito della basilica della Ghiara, nel giorno dell’apertura dell’anno pastorale. E a pronunciarla è il vescovo Massimo Camisasca. « Là dove è possibile, ogni piccola comunità radunata attorno a una chiesa che non può essere servita dalla presenza stabile di un presbitero, possa trovare in un uomo o una donna laici, in una persona consacrata o in un diacono permanente, oppure in lettori, accoliti o ministri straordinari della Santa Comunione, un punto di riferimento stabile per la cura di quella comunità».
https://www.ilrestodelcarlino.it/reggio-emilia/cronaca/chiese-abbandonate-laici-diaconi-1.4773608?fbclid=IwAR3W1J6HMi5uTPdu2oz4-I9tAbcDycOg2tmi0f5S2-mnNFQYkL0YlVA2zDg