«Il presbitero sperimenta la cosiddetta prova istituzionale.
Sperimenta il non senso, la pesantezza, la viscosità, le contraddizioni dell'istituzione-Chiesa, dei superiori,
le difficoltà non soltanto nella o per la Chiesa, ma a motivo della Chiesa».
Carlo Maria Martini, Nel dramma dell'incredulità, 91-110.