Bassetti:attenzione al rischio clericalismo 
di Caterina Dall'Olio 
(...) Il cardinale Gualtiero Bassetti presidente della Cei ha proposto una riflessione sul ruolo e la missione dei sacerdoti:  «Come dice papa Francesco quando un prete è clericale, clericalizza anche i laici e tende a farli a sua immagine e somiglianza. E quindi anche il laico, alla fine, vuole rientrare in quello schema di Chiesa perché difende i suoi piccoli privilegi e ha tutto l’interesse a essere clericalizzato». Poi una considerazione generale: «Nella Chiesa italiana si registrano ancora troppe chiusure alle indicazioni di papa Francesco. Per ben due volte, quando sono andato a trovarlo per vari motivi, il Papa mi ha sempre posto questa domanda: ma la Evangelii gaudium sta entrando nella Chiesa italiana? Una 
domanda imbarazzante – ha ammesso Bassetti –. Una volta gli ho risposto: un pochino... E lui: Anche io ho questa impressione. Io non ho chiesto qualche rinnovamento della pastorale, io ho chiesto una conversione pastorale». E la conversione, sottolinea il presidente Cei, «è una cosa di testa e di cuore». Nel suo intervento, Bassetti ha letto lunghi stralci di uno scritto di don Giulio Cirignano, nel quale il biblista sostiene come «soprattutto nella Chiesa italiana si registri una certa lentezza nel recepire il progetto di Papa Francesco», si osservano «tante chiusure. E io condivido questo pensiero», mette in chiaro il presidente della Cei, che ha aggiunto: «Il peccato originale è stata la poca ricezione del ConcilioVaticano II che c’è stata in Italia». (...)
in “Avvenire” del 13 settembre 2017